Per i 75 anni del compagno Franco Piperno

Buon compleanno a Franco Piperno, amico e maestro, ma anche compagno con decenza parlando come lui mi ha insegnato, che domani compie 75 anni. Tre quarti di secolo vissuti “fin dall’inizio dalla parte del torto, non tanto per scelta quanto per sorte, dal momento che dalla parte della ragione, i posti, allora, erano tutti esauriti”. Questa lettera d’augurio, non ha pretesa di biografia minuziosa ed esaustiva dell’intensa vita di Franco…

Read More

Ode a Totonno Chiappetta. Due anni dopo

Toto’ su due anni  (Caro Totonno sono due anni) ca tinni si jutu (che sei partito) a natru munnu (per altri mondi) e u sacciu ( e so bene) ca sta jittannu u bannu (che ancora fai annunci) e cunti rumazelle ( e racconti fatterelli) e cazzate (e facezie) supa a chiri ca a canusciutu (su tutti noi che hai conosciuto) tra filibusta (tra comitive) e tavule parate. (e tavole…

Read More

Il derby Rende-Cosenza. Deja vu del Marco Lorenzon

Io me li ricordo i derby del Cosenza al Marco Lorenzon contro il Rende. I rendesi da noi definiti con disprezzo “pignatari” per una nobile tradizione artigiana del loro borgo, ben prima della rinascita urbanistica dei Principe, erano troppo minuti come tifoseria per stare al confronto con la moltitudine dei Lupi. Ma un derby è sempre derby, a maggior ragione se separati dal torrente Campagnano e anche da gelosie per…

Read More

Rai Storia ricorda Giacomo Mancini. Ma l’Aria Rossa va in rovina

MI sembra doveroso e giusto diffondere notizia, ai suoi numerosi seguaci e sostenitori ma anche ai giovani che non ebbero la fortuna di conoscerlo, che il canale di Rai Storia, martedì prossimo alle 21,40, manderà in onda nel programma “Italiani” “Giacomo Mancini, la passione del socialismo” realizzato con cura e spessore da Enrico Salvatori. Si potranno ammirare rari materiali di repertorio recuperate dalle Teche della Rai  che ripercorrono la vita…

Read More

Caro Telesio. Ode per tre morti e dei libri bruciati

Oi Télé      (Caro Telesio) ieri supa a via ca t’arricorda (ieri nel corso a te intitolato) nu fuocu i mille vrascere (un fuoco di mille braciere) intra nu palazzu (dentro un palazzo) a vrusciatu sanu (ha bruciato vivi) tri povari cusintini cuma a tia. (tre poveri cosentini come te) Erano di Noce (Famiglia Noce) chiri cull’uacchi stuarti  (quelli con gli occhi storti) sempe i chiri parti su stati….

Read More

Per Stefano Rodotà (1933-2017)

La notizia mi è giunta come un fulmine inatteso mentre ero impegnato nei lavori di un consiglio di amministrazione e ho sentito subito il dolore al cuore come quello quando perdi una persona cara. Un punto di riferimento della  sinistra con un’indipendenza ammirevole tutta segnata dal pensiero laico e dalla difesa dei valori della libertà e del Diritto. A fornirmi la ferale novella l’amico Luca Addante, storico,politologo e uno dei…

Read More

Autobiografia per il mio compleanno

Da domani sono da cinque decenni e un lustro su questa Terra. Sono nato su un tavola di formica verde in una casa di Cerisano, casale posto a Ovest di Cosenza. Fratello sconosciuto di altri bambini nati in casa nel boom economico che riempiva quelle  stesse case di frigoriferi e televisioni e le strade di Fiat 500. Mio padre aveva un 600 e quando nelle strade della Calabria lo vedevano…

Read More

Per Ernesto D’Ippolito (1933-2017)

Ei fu. Ernesto D’Ippolito, cosentino d’illustre vita, avvocato di oratoria colta e  giurisprudenza  atletica, intellettuale laico e massone aperto non è più tra noi a recarci il confronto del pensiero libero e il conforto dell’amicizia disinteressata. Ho atteso a scriverne il ricordo da quando cinque giorni or sono ho appreso la notizia nella mia Itaca avvisato dall’amico Luca Addante che da Torino m’informava della dolorosa dipartita del nostro comune maestro…

Read More

1977 (febbraio) Racconto dei 12 mesi

Non ho ricordi del Carnevale di 40 anni fa. Ricordo molto bene, invece, la carnevalesca ma cruenta cacciata di Luciano Lama dall’università La Sapienza a Roma. A quel tempo la scissione della Sinistra fu traumatica e violenta. Poggiata tutta su idee e principi. L’egemonia era collettiva e non guardava alle poltrone da occupare. Il magmatico Movimento in alcune vaste componenti aveva presente la questione del lavoro legata all’automazione e alle…

Read More

In ricordo di donna Vittoria Mancini

Otto anni fa lasciava il mondo terreno Vittoria Vocaturo Mancini. Ribattezzata nella sua Cosenza, in Calabria e nel panorama istituzionale romano come donna Vittoria. Nel gergo popolare cosentino era “donna Vittò”. Tantissimi ragazze e ragazzi bruzi, pur non avendo legami parentali, la chiamavano zia Vittoria. Io tra questi, ma il mio legame parentale era autentico essendo figlia di una Ruffolo, sorella di mia nonna Cesira. Ai molti che non sanno,…

Read More