Oi Télé      (Caro Telesio)

ieri supa a via ca t’arricorda (ieri nel corso a te intitolato)

nu fuocu i mille vrascere (un fuoco di mille braciere)

intra nu palazzu (dentro un palazzo)

a vrusciatu sanu (ha bruciato vivi)

tri povari cusintini cuma a tia. (tre poveri cosentini come te)

Erano di Noce (Famiglia Noce)

chiri cull’uacchi stuarti  (quelli con gli occhi storti)

sempe i chiri parti su stati. (da sempre in quel quartiere abitavano)

Na vota si dicia (Una volta si diceva)

stannu ari case sciuddrate (abitano alle case distrutte)

un sacciu sa da guerra e o di quali atru sciuaddru. (non so se dalla guerra o da altra catastrofe)

U patri purtava bombol’i gas (Il papa trasportava bombole di gas)

i figli su sempi stati ciuati ( i figli sono sempre stati strani)

ma a chiri tiampi (ma a quel tempo)

u quartiari tinia tutti assiami. (Il rione teneva tutti uniti).

Unnè che stavanu miagliu (Non stavano meglio)

ma puri i ciuati erano cristiani. (ma anche gli scemi erano uomini)

A Cusenza viacchiu  (Nel centro storico)

atri casi si su sciuddrate (altre case sono distrutte)

tutti vatalianu a capu loro (ognuno vaniloquia a modo suo)

scrivanu tutti  supa na libretta curi facci (tutti scrivono su Facebook)

chini strolachia (c’è chi vaneggia)

chini pigliannusi a pizzicata. ( e chi contesta qualcosa ad altri)

Oi Télé (Caro Telesio)

i libri su cangiati. (E’ cambiato il modo di leggere)

Si leja a capocchia (Ci s’informa male)

un si capiscia quasi nente (comprendendo poco)

puri i pulici tenana a tussa (anche l’incolto dice la sua)

e Cusenza è comu tuttu u munnu. (ma Cosenza è come il mondo)

Di chiri cumi i Noce a certi (Delle famiglie disagiate a taluni)

ullinè fricatu mai nenti. (non è mai importato nulla)

I Noce iettati intra chira ciotia loro (abbandonati alla loro malattia)

mo ca su vrusciati come frospari (adesso che sono arsi vivi)

tutti i chiangimu (sono pianti da tutti)

cumu parienti. (come fossero nostri parenti)

Cusenza viacchiu  (Il centro storico)

scinn’ a piezzi  (crolla giu’)

tuttu va aru riscuardu; (nel dimenticatoio assoluto)

i prifussiri aru liettu du malatu (gli esperti attorno al malato)

ma u malutu (ma il malato)

a mia mi para quasi muartu. (a me sembra quasi morto)

Mannuni tu nu suannu (Telesio mandaci tu un sogno ammonitore)

nu signali, na jistima ca dicia: (un segnale, una bestemmia che recita)

“Maniativi a fa na cosa bona (Sbrigatevi a far buone pratiche)

sarvatili si petri vecchie (salvate gli edifici antichi)

figli di Bruzi siti  ancora (discendete ancora dai Bruzi)

o siti diventati na massa i pisciaturi?”. (O siete diventati tutti dei poveracci)

Oi Télé (Caro Telesio)

te cuntà natru fattu. (devo rivelarti altro)

Un ci su  sulu i  tri povari muarti (Non ci sono solo il tre morti)

(ca  stannu supa ogni cosa) (che poniamo sopra ogni cosa)

intra chiru burdellu scuru (in quel garbuglio oscuro)

a Madonna du Pileriu  (la Madonna del Pilerio)

sa vota unnà sarvatu nenti e nessuno. (questa volta non ha salvato cose e persone)

Si su vrusciati puri i libri; (Sono arsi pure dei libri)

puri u tua don Bernardì ( pure il tuo Telesio)

u cchiu tuastu, (il più importante)

chiru supa a natura di cose (Il De rerum)

cu tutti chiri pinziari (quello che con i suoi contenuti)

si su mparati puru Galileo e Ainstain.(e’ stato letto anche da Galileo e Einstein)

U tinimi stampatu nuavu (E’ stato ristampato)

ma chiru vrusciatu era ru primu. (ma si è brucata la copia originale)

Ci vo Luca Addante (Qui ci vuole un bibliofilo autorevole)

ppe sapì si ancun’atru (per sapere se altre copie)

se sarvatu  (si sono salvate)

dopo su venneri du diavulu.(dopo questo venerdì maledetto)

Si su vrusciati  (Abbiamo perso)

puri i libri i Pancrazio (anche le opere di Pancrazio)

di Sertorio Quattomani (di Sertorio Qattromani)

-almeno i chissu sannu a via- (almeno di lui i cosentini conoscono la via a lui intestata)

e puru chiri i Bombini, (e anche quelli di Bombini)

chiru ca si chiama cuma a tia. (che come te si chiama Bernardino)

Oi Télé (Caro Telesio)

è statu nu ribbiaddru (è stato un gran caos)

a genti chiangia cumu (tutto il popolo piange)

quannnu c’è statu nu terremoto. (come ci fosse stato un terremoto)

Chiangimu muarti (Piangiamo i morti)

chiangimi chiri carti scritt’a nchiostro (piangiamo le antiche pergamene)

chiangimu l’anima i chivemmuartu. (piangiamo con bestemmie e maledizioni)

E’ nterra Cusenza nostra (Povera nostra città)

curi vie azate (la toponomastica dedicata)

pura a ribusciati (anche a illustri sconosciuti)

ca i canuscianu (ricordati)

sulu i parienti ( solo dai loro parenti)

e ancunu du vicinatu. ( e da qualcuno dei loro vicini)

Puri i libri da Biblioteca (Anche i libri della Biblioteca civica)

annu misu (hanno sequestrato)

sutta i bulli (per ordine dell’autorità competente)

atri si su fricati . (altri invece li hanno rubati)

Un c’è chiù rispetto (Non c’è più rispetto)

ppe chini na lassatu nu passatu.  (della nostra memoria)

Azamu ponti e mintimu circhi (Costruiamo ponti e mettiamo abbellimenti)

circamu a fossa i Tallarico (cerchiamo il tesoro di Alarico)

facimu tanti chiacchiari a vacante (dicendo parole a vanvera)

e ni simu scordati (dimentichi)

i chiri cusintini (degli antenati illustri)

ca unnannu  mai vasciata a capu.( mai domi)

Simi i Cusenza  (Siamo cosentini)

un vu scurdati. (non dimentichiamolo mai)