Toto’ su due anni  (Caro Totonno sono due anni)

ca tinni si jutu (che sei partito)

a natru munnu (per altri mondi)

e u sacciu ( e so bene)

ca sta jittannu u bannu (che ancora fai annunci)

e cunti rumazelle ( e racconti fatterelli)

e cazzate (e facezie)

supa a chiri ca a canusciutu (su tutti noi che hai conosciuto)

tra filibusta (tra comitive)

e tavule parate. (e tavole apparecchiate)

Io ti pianzu assaji (Io ti penso sempre)

quannu viu Monache (quando passo da contrada Monache)

o Palazzo (o Piazza XI settembre)

e dicu dintr’ i mia  ( e tra me e me dico)

chiru cazzi i Totonno (quel grande Totonno)

quanti risate chini (quante belle risate)

n’ha fatto fa. (ci ha regalato)

Ni simu scialati (Ci siamo divertiti)

cu quattro pimmaduori i Belmonte (con pomodori giganti)

fatti a nzalata (conditi a insalata)

viviannu Duannici tuastu (bevendo vino locale)

e namu fattu na bella sunata (cantando e ballando)

sutta a nu barcuni (sotto il balcone)

i nu ciatu ca stava (di un pazzo che abitava)

supu u Renzelli (a piazza Parrasio),

Alfio vattia u tamburu (Alfio Antico suonava la tammora)

e tu tinia  sempa a battuta ( e tu con la battuta pronta)

supi i lupi (sul Cosenza calcio)

e nonnu tua ( e su tuo nonno Antonio)

c’avia crisciuto  (che aveva coltivato)

intra a capu (nel suo genio)

a chiru spirdatu (lo sciroccato personaggio)

i Jugale. ( di Jugale)

Totonno Chiappetta (Antonio Chiappetta)

i Carolei (di Carolei)

timpa ‘i Cusenza (casale di Cosenza)

si statu panza e presenza (sei stato possente di fisico)

vuci i zingara di Gergeri (gergo di donna rom cosentina)

oi frà (caro mio)

si rimastu togu (sei rimasto mitico)

quannu tinnisigliutu (quando te ne sei andato)

picchì tu comu u dialetto (perché tu come il dialetto)

ummuorimai (non morirai mai).